20.10.2012 – Ultra trail lago d’Orta – 63km 3800 mt. di dislivello.

Al grido”NON È IL NOSTRO SPORT!!! ” Pres Gio e Marco hanno preso il via al l Ultra Trail lago d’Orta e sono pure arrivati fino in fondo conquistando 2 preziosi punti per l’UTMB ambizioso traguardo per il 2014 , certo tutto si è ridimensionato dopo queste 10/11 ore di calvario.

Ora dobbiamo metabolizzare questo sforzo totalmente diverso dal Triathlon ma molto molto affascinante…prossimo appuntamento Gran Trail Valdigne Carichi.. certo!!

Tempo al traguardo 10.30 Pres e Gio, un’ora di più per Marco.

Comunque un bellissimo sigillo per tutt’e tre ad una grande stagione 2012

6/7.10.2012- Campionati italiani sprint e a squadre

Anche  se con una sola squadra ci siamo presentati ai campionati italiani a Tirrenia.

Sabato  campionato italiano individuale sprint  con fermo , Jo ,  Guido P. e con lo sfortunato Guido Scarpa che durante la frazione in bici è caduto riportando una micro-frattura alla mano. Gara compromessa ma per fortuna nulla di grave ! Forza Guido!

Domenica spettacolo assoluto con la gara a squadre , rimasti in tre per la defezione di Guido abbiamo comunque dato il massimo e sopratutto il nostro Guidone non ha mollato un metro sai in bici che a piedi . 47esimi su 200 squadre non male siamo molto molto contenti!!

Resta sempre una gara speciale ,  per l’unione e lo spirito di squadra che si crea con i compagni ….bellissimo!!

 

15.08.2012 – Reduci da EMBRUN – Pres finisher! Gio, Marco T e Marchese caduti sul campo

La gara più dura di sempre! Complimenti al Pres, 239esimo al traguardo su 1080 partiti e solo 771 arrivati…. ma bravi anche Gio, Marco e Marchese cui solo la sfortuna, sotto forma di crampi invincibili, ha impedito di arrivare al traguardo.
Questo è il resoconto a caldo del Pres….In cima all’Izoard tutti quanti speravamo di tirare il fiato in discesa e invece vento contro, fisso, fino alla fine. Nel fondo valle caldissimo. Dalla fine della discesa a T2 altre tre salite di cui una al 13%di 2 km ed una al 175esimo di 4km durissima…
ogni fontana, lavatoio, rubinetto nella seconda metà del percorso era una benedizione e meritava una sosta per pucciare la testa. Nei pochi tratti di pianura dal 150km in avanti “spingevo” a 22km ora col 34 e la cosa incredibile è che andavo come gli altri… IO…in pianura. Eravamo tutti secchi!!
8 ore e 6 minuti di bici… tantissimo…
Poi la corsa… un esercizio di equilibrismo tra velocità e rischio di saltare, rischio molto concreto a giudicare dal numero di atleti sdraiati lungo la strada con gli occhi capovolti all’indietro… le sirene delle ambulanze non hanno mai smesso di suonare per tutta la corsa…alla fine oltre 300 ritirati…
Io ho fatto il mio ritmo fino a metà, poi mi sono tirato avanti piano piano nel secondo giro, prudentissimo, timoroso..
Ma non è stata solo fatica, ci mancherebbe… il percorso in bici è meraviglioso, diverso.. ma al livello di Lanzarote.. E la salita dell’Izoard ha dei panorami unici.. Una gara splendida, unica, da rifare assolutamente
Questi sono frammenti della mia esperienza di questa gara, Gio Marco e Marchese hanno la loro storia, uguale e diversa dalla mia.. ve lo diranno loro.. ma di certo tutti quanti siamo rimasti impressionati, affascinati, stregati dall’Embrunman

05.08.2012 – NORSEMAN – Davide 18esimo in vetta alla Zombie Hill

La gara più bella? Forse si… Acqua gelida, partenza al buio, in autosufficienza, finale “alpinistico”. Quello che cerchiamo nello sport, tutto insieme, tutto qui, in uno scenario da favola. Ci dispiace averti lasciato solo Davidino, ma la sorte, o meglio il sorteggio, ci ha detto di no…. COMPLIMENTI DA TUTTA LA SQUADRA!